.
Annunci online

kulturadimazza


RAPPORTO CONFIDENZIALE
rivista digitale di cultura cinematografica
NUMERO18 - ottobre 2009

gratuita, libera, indipendente
www.rapportoconfidenziale.org

 

«il talento fa quello che vuole, il genio quello che puo'. Del genio ho sempre avuto la mancanza di talento»
Carmelo Bene

kulturadimazza è

informazione sui tempi che

corrono e sul tempo che fugge

a cura di

Alessio Galbiati e Paola Catò

 

Optimized for Mozilla Firefox

 

Content on this blog is licensed under a

 

 

multimedia

 

CULTURE POP manifesto




Support CC - 2007

*   *   *

Rapporto Confidenziale
rivista digitale di cultura cinematografica
www.rapportoconfidenziale.org


19 ottobre 2007


Marco Ferreri - Il regista che venne dal futuro di Mario Canale, 2007


Finalmente in Italia ci si ricorda del genio anarchico di Marco Ferreri. Il Festival di Roma rende omaggio all'autore d'origine milanese, ma cosmopolita per vocazione, con una evento speciale che avrebbe però potuto essere ben più ricco. Ma a volte bisogna sapersi accontentare...

Marco Ferreri - Il regista che venne dal futuro
di Mario Canale, documentario, 2007, 90'.
                22.10.2007 h 18:30, sala Petrassi
                26.10.2007 h 17:30, sala Farnese Persol

L'udienza
di Marco Ferreri, lungometraggio, 1971, 112'.
Versione restaurata dalla Cineteca di Bologna grazie alla collaborazione di Cristaldi Film
                22.10.2007 h 16:00, Petrassi

Ciao Marco
di Silvana Palumbieri, documentario, 2007, 40'.
Ferreri riflette sui motivi del proprio far cinema, e lo fa, non molto spesso, anche in televisione, come racconta il materiale catalogato nelle teche della Rai. Dalla scena del territorio agli attori e attrici che lo attraversano, il rapporto tra cibo e antropofagia, la morte e il suicidio, l'amore, un programma per il pubblico. La donna, il bambino e la scimmia come rappresentazione. Libertà, sistema politico e anarchia. La fine della cultura, quando le parole non servono più.
                26.10.2007 h 17:30, Farnese Persol


Marco Ferreri - Il regista che venne dal futuro
Regia: Mario Canale: Soggetto e Sceneggiatura: Mario Canale, Annarosa Morri; Narratore: Michele Placido; Musiche: Philippe Sarde; Montaggio: Adalberto Gianuario, Alessandro Raso; Immagini: Maurizio Carta, Massimo Coconi, Paolo Mancini, Marcello Rapezzi, Mario Canale; Ricerche iconografiche: Rosellina d’Errico; Produzione esecutiva: Mario Canale, Elena Francot; paese: Italia; produzione: Surf Film, Orme, La7; anno: 2007, durata: 90'.

Titolo internazionale: Marco Ferreri: The Director Who Came from the Future.

con la partecipazione di: Rafael Azcona Nicoletta Braschi, Franco Brocani, Sergio Castellitto, Pappi Corsicato, Piera Degli Esposti, Francesca Dellera, Maruschka Detmers, Nicoletta Ercole, Sabrina Ferilli, Andréa Ferréol, Enzo Jannacci, Christopher Lambert, William Lubtchansky, Citto Maselli, Dante Matelli, Ornella Muti, Philippe Noiret, Esteve Riambau, Ettore Rosboch, Dado Ruspoli, Alfonso Sansone, Giancarlo Santi, Catherine Spaak, Lina Nerli Taviani, Ricky Tognazzi, Mario Vulpiani, Michele Placido (Voce Narrante), Jerry Calà.

I filmati d’archivio provengono da: Orme, Istituto Luce, Aamod – Archivio Audiovisivo del Movimento Operaio e Democratico, Fondazione Mario Schifano, TVE – A fondo - 1978, Argento puro di Pappi Corsicato, Giancarlo Santi : facevo er Cinema di Anton Giulio Mancino, Italia Taglia di Tatti Sanguineti, Antonioni di Gianfranco Mingozzi.

Le fotografie d’epoca provengono da: Jacqueline Ferreri, Reporters Associati.

Immagini dei film per gentile concessione di:
Jacqueline Ferreri
Surf film: Controsesso, La donna scimmia, La Carne, Diario di un vizio, L’uomo dei 5 palloni, Casanova 70, Il fischio al naso, Cronaca di un amore.
Myra Film: La Grande abbuffata, Non toccare la donna bianca, Ciao Maschio, Il seme dell’uomo, El Cochecito, La casa del sorriso, Nitrato d’argento.
Champions Film: Break Up.
Istituto Luce: L’Udienza.
Gianni Massaro: Dillinger è Morto, La Cagna.


Sinossi:
“Il modo di produzione del cinema è l’anarchia: io spero che possa continuare ancora per un po’, che si possa continuare ancora a fare un po’ d’anarchia con il cinema”. Inizia con questa frase di Marco Ferreri, tratta da un’intervista inedita al grande regista, il film-documentario di Mario Canale che, a dieci anni dalla morte, vuole recuperare la memoria di questo cineasta dimenticato troppo in fretta, del suo straordinario e immaginifico talento.
Da quel 9 maggio 1997, molte cose sono cambiate: ma la sua visione profetica già intuiva scenari futuri e suggeriva – nel solo modo in cui un artista può farlo: attraverso la propria opera – il mondo che stiamo vivendo, e quello che vivremo presto.
Sapeva, Marco Ferreri, d’essere capace di cogliere nel presente i segni del futuro?
Nel 1988, per l’uscita di Come sono buoni i bianchi, affermò di aver colto in Africa, durante le riprese del film, i segni della nascita d’un nuovo fondamentalismo religioso, che non avrebbe tardato a manifestare le proprie drammatiche conseguenze.
Ma è l’intera filmografia di Marco Ferreri a raccontare il nostro presente, anche con i titoli più lontani nel tempo: Non toccare la donna bianca, 1974, ci parla della rivolta delle banlieux; Dillinger è morto, 1968, anticipa la banalità del crimine dei tempi moderni; La casa del sorriso, 1991, riflette sulla rimozione della vecchiaia. E Nitrato d’argento, il suo congedo dal cinema, è il requiem per la sala cinematografica, sostituita da forme di fruizione sempre nuove.
Sulfureo, scandaloso, graffiante, iconoclasta: Marco Ferreri è stato questo, e altro ancora. Ma lo humour nero, lo sguardo anarchico, la misoginia, e le etichette che l’hanno accompagnato nascondono il vero filo rosso delle sue opere: la preveggenza, che in anticipo sui tempi lascia intravedere tra le pieghe dell’oggi gli scenari di domani.
A questo aspetto rimosso del cinema di Marco Ferreri è dedicato, sin dal titolo, Il regista che venne dal futuro: un documentario in sintonia con il carattere anticonformista di un uomo estremo, provocatorio nei modi e serio nell'opera, sempre all'avanguardia, visionario e sperimentatore. 90 minuti che prendono spunto da luoghi e personaggi autentici, per poi condurre negli spazi di una ricostruzione fantastica, un'inchiesta dove si muovono personaggi che hanno conosciuto, lavorato o sono stati amici del regista, con molti filmati d’archivio, italiani e stranieri, alcuni assolutamente inediti. La struttura è scandita da alcuni capitoli in cui Marco Ferreri ci regala in modo brusco, irriverente, e  spesso sopra le righe, la sua visione del mondo assolutamente lucida e disincantata.

Storia di un incontro - note di regia:
Ho incontrato per la prima volta Marco Ferreri in una moviola della Safa Palatino, all’epoca della Gaumont. Stavo preparando il trailer di un film che lui aveva aiutato a nascere, Amore Tossico di Claudio Calligari, e quando è entrato, discutendo con i protagonisti del film, ha guardato velocemente le immagini montate: poi bofonchiando si è rivolto a me e ha detto: «voi nun avete capito un cazzo del film». Si è girato, e se ne è andato.
L’ho rivisto qualche anno dopo a Parigi sul set di I love you, e non avevo quasi il coraggio di rivolgergli la parola, ma fin da subito scoprii di essere davanti non solo a un grande regista ma soprattutto a un uomo che nascondeva dietro al suo fare burbero una sensibilità straordinaria. In realtà, verso il mondo del cinema in cui ero entrato dalla porta di servizio, e quasi per caso, avevo avuto fino a quel momento un atteggiamento persino di sufficenza: mi sentivo più «moderno», smaliziato, e pur frequentando da anni i set, anche i più prestigiosi, non mi sentivo coinvolto più di tanto.
Quel set, invece, in una vecchia fabbrica alla periferia di Parigi, quell’uomo barbuto con un berretto da gnomo che urlava ordini e che camminava mangiando arance o mandarini, mi hanno stregato. Un colpo di fulmine: mi piaceva tutto, soprattutto sentirlo parlare. Credo che nel corso degli anni non ho mai provato allo stesso tempo un piacere grandissimo e il timore di sentirmi inadeguato come sui set di Marco Ferreri.
Non era facile intervistarlo, spesso rispondeva a monosillabi, a volte parlava d’altro.
Chi fa interviste televisive, il più delle volte è legato all’attualità: deve portare a casa qualche cosa, deve «estorcere» all’intervistato quei due minuti di storia, di spiegazione per confezionare il servizio. Con Marco era diverso, lui non amava raccontare la storia, forse non amava nemmeno più i giornalisti che da lui pretendevano giudizi o aforismi sull’universo mondo, accontentandosi poi di qualche battuta tagliente.
Io l’ho intervistato una decina di volte sui set o ai festival: in qualche caso ho sofferto molto, in altri sono andato a girare i suoi set anche quando non lavoravo più per un programma televisivo e anche se dovevo pagarmi la troupe lo facevo con grandissimo piacere. Mi ricordo che quando girava La casa del sorriso a Cattolica mi chiamò per chiedermi di andare, e davanti alle mie rimostranze (non mi occupavo di cinema in quel periodo) mi disse di non rompere e di raggiungerlo. A Cattolica, su quel meraviglioso set ambientato nelle vecchie colonie marine, lui non voleva parlare del film: aveva incaricato un pubblicitario di farlo al posto suo, perché era convinto che da lui i giornalisti volessero solo sentire la storia, e parlare di Ferreri senza preoccuparsi del film. Fu un’intervista surreale: quasi un’ora di parole a mezza bocca, con lui che sbadigliava annoiato e io che provavo in tutti i modi a fargli dire qualcosa. Fu una grande lezione di vita, per cui gli sarò sempre grato, ma me ne resi conto solo dopo molto tempo, e tornai a Roma distrutto dalla frustrazione.
Da moltissimi anni volevo fare un documentario su Marco, e tre o quattro volte ho persino cominciato a montarlo: in due casi gli ho dato anche un titolo, in altri ho assemblato dei materiali su di lui per festival o trasmissioni televisive. Il primo doveva essere il pilota d’una serie che aveva un titolo presuntuoso, «I tic dei registi», e da qualche parte c’è ancora.
Ogni tanto ho partecipato a dei festival sul backstage e come esempio del mio lavoro ho mostrato del girato sui set di Ferreri: in nessun’altro mi è capitato di sentirmi così vicino a quello che per me è il cinema.
L’ho incontrato l’ultima volta per caso nel 1996, a Parigi, a Saint Germain. Io stavo girando qualcosa per la Rai, lui tornava da una visita a Marcello Mastroianni, ammalato. Tutti e due di fretta: mi ha dato il suo numero di telefono. Poi mi sono perso dietro altre cose, e non me lo perdonerò mai.
Per quanto riguarda Marco Ferreri, il regista che venne dal futuro, debbo ringraziare prima di tutti Jacqueline Ferreri che di Marco è stata non soltanto la moglie e la compagna ma anche complice produttrice delle sue avventure cinematografiche, e poi attenta conservatrice della sua eredità morale. Annarosa Morri, che mi ha aiutato e ha collaborato con me. Nicoletta Ercole, prima collaboratrice e amica, e poi custode affettuosa della memoria di Marco. Luca Ronchi e i suoi preziosi consigli e suggerimenti. Elena Francot e Massimo Vigliar della Surf e Alfredo Moroni de LA7, che hanno creduto in questo progetto e senza i quali questo documentario non si sarebbe realizzato.
E poi tutti coloro che hanno partecipato, e tutti quelli che hanno amato Ferreri e il suo cinema.
Mario Canale


Sequenza tratta da "Dillinger è morto" di Marco Ferreri, 1969.

sfoglia     settembre        novembre
 
rubriche
Diario
Link
culture pop (e viceversa)
Cinema
Musica
Politica
Media
Festival & co.
Corti

HOMEPAGE


Rapporto Confidenziale
cinemino
Digicult
cerca
me l'avete letto 1010293 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom