.
Annunci online

kulturadimazza


RAPPORTO CONFIDENZIALE
rivista digitale di cultura cinematografica
NUMERO18 - ottobre 2009

gratuita, libera, indipendente
www.rapportoconfidenziale.org

 

«il talento fa quello che vuole, il genio quello che puo'. Del genio ho sempre avuto la mancanza di talento»
Carmelo Bene

kulturadimazza è

informazione sui tempi che

corrono e sul tempo che fugge

a cura di

Alessio Galbiati e Paola Catò

 

Optimized for Mozilla Firefox

 

Content on this blog is licensed under a

 

 

multimedia

 

CULTURE POP manifesto




Support CC - 2007

*   *   *

Rapporto Confidenziale
rivista digitale di cultura cinematografica
www.rapportoconfidenziale.org


8 novembre 2007


Mulholland Drive Music Video. Considerazioni sulla visone collettiva.

Quando dico che il cinema dovrebbe uscire delle sale e quando dico che del cinema dovremmo incominciare ad appropriarcene, intendo anche un lavoro come il seguente che nella sua dimensione casalinga prende due testi sui quali legalmente non potrebbe fare alcunché e li ri-monta a propro piacimento condividendo il risultato. Il primo limite strutturale dell'attuale situazione che ci vede onnivori consumatori impossibilitati a produrre, risiede nel termine legalmente. Il secondo è il termine 'privato' del quale non conosciamo l'estensione quando leggiamo l'immancabile didascalia d'inizio d'un DVD:

"Questo film è protetto da un copyright ed è stato concesso in licenza del proprietario del copyright solo per un uso privato. Tutti gli altri diritti sono riservati. La limitazione dell'uso privato esclude l'utilizzazione di questo film protetto da copyright in luoghi quali club o alberghi. Sono rigorosamente vietate la riproduzione anche parziale per l'esecuzione in pubblico e la trasmissione con qualsiasi mezzo."

Riflettendo su questo aspetto ho sviluppato la convinzione che nel legislatore (planetario?!) vi sia la paura dell'utilizzo comunitario del cinema. Perché altrimenti impedirne con tanto zelo (planetario?) la possibile fruizione collettiva. Dovremmo vederci i film o al cinema o a casa nostra, il resto non è permesso. Provate ad organizzare rassegne con DVD poi scoprirete che: 1. dovete ottenere il consenso dei titolari del diritto di riproduzione 2. dovete utilizzare appositi supporti e regolarne il canone di noleggio 3. regolare con la SIAE il diritto d'autore sulla colonna sonora.

Bel giochino vero? Dunque ogni volta che vi capita di vedere in locali o quant'altro delle immagini d'un film sappiate che con tutta probabilità state assistendo ad un qualcosa di illegale.

Insomma è bene che la situazione cambi, si evolva, che "il legislatore" faccia ciò per cui è stato messo lì, ovvero dare forma al reale perché la fruizione e la produzione dovrebbero essere ormai un diritto.

...continua (inevitabilmente)

sfoglia     ottobre        dicembre
 
rubriche
Diario
Link
culture pop (e viceversa)
Cinema
Musica
Politica
Media
Festival & co.
Corti

HOMEPAGE


Rapporto Confidenziale
cinemino
Digicult
cerca
me l'avete letto 1 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom