.
Annunci online

kulturadimazza


RAPPORTO CONFIDENZIALE
rivista digitale di cultura cinematografica
NUMERO18 - ottobre 2009

gratuita, libera, indipendente
www.rapportoconfidenziale.org

 

«il talento fa quello che vuole, il genio quello che puo'. Del genio ho sempre avuto la mancanza di talento»
Carmelo Bene

kulturadimazza è

informazione sui tempi che

corrono e sul tempo che fugge

a cura di

Alessio Galbiati e Paola Catò

 

Optimized for Mozilla Firefox

 

Content on this blog is licensed under a

 

 

multimedia

 

CULTURE POP manifesto




Support CC - 2007

*   *   *

Rapporto Confidenziale
rivista digitale di cultura cinematografica
www.rapportoconfidenziale.org


2 dicembre 2007


Beck - Pay No Mynd (Snoozer) - 1994


that's why

I pay no mind
sleep in slime
I just got signed


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. Beck Pay No Mynd videoclip

permalink | inviato da kulturadimazza il 2/12/2007 alle 18:31 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa


25 ottobre 2007


Happy Computer - Hello World! (C64 Sid Mashup Mix)


Nuovo video per tentare di accontentare colei che tiene il libro sul cuscino ma non solo...

Tipico esempio di quella new wave musicale che fa ballare le nostre stanche membra con suoni provenienti dagli anni '80. C64 music ovvero musica fatta con quel computerino esoterico che fu il commodore 64 (mitico).
Il gruppo è di Berlino (ovvio no?!) e si chiama "Computadora Feliz" o se si preferisce "Happy Computer", qui sotto le coordinate per provare a capirci qualcosa di più...


22 ottobre 2007


New Young Pony Club - Ice Cream (Intermezzo Musicale)



New Young Pony Club - Ice Cream
Lyrics

I can give you what you want.
I can make your heart beats short.
I can make you ice cream, we could be a sweet team melting in your vice dreams, sport.

I can be the sauce you crave.
I can spell what you can't say.
chocolate flavored love theme treat the treats you so mean covering your nights and days.

Let me give you what you like.
I can make you mouth run dry.
drink me like a liquor, c'mon and dip your dipper
show me what you're here for, guy.

I can give you what you want.
I can make your back real taut.
fantastic flavored fancies sick like Sid and Nancy wicked as a joy ride jaunt.

What you want
I can give you what you want
What you want
I can give you what you want, you want
You want
I can give you what you want
What you want
You want
Whatcha whatcha want now.

ha ha ha ha


9 luglio 2007


Devo


Devo

I videoclip dei Devo sono stati fra i primi esempi di pop culture post-moderna, capaci di anticipare i tempi e di dettare le linee di tendenza per gli sviluppi di questa attività. Lo-fi e kitsch, i video realizzati da Jerry Casale (storico membro della band di Akron nell’Ohio) sono stati anche una riflessione sul contemporaneo dotata d’una forte venatura critica sui modi di vita dell’america anni ottanta. La selezione compiuta dal Sonar, in occasione della loro prima esibizione europea dopo più di quindici anni, si pone l'obiettivo di fare giustizia e ricordare la centralità del loro apporto al mondo della musica come oggi lo conosciamo. Quel che fecero in maniera totalmente pionieristica diverrà da lì a poco elemento imprescindibile per ogni promozione della propria musica e della propria estetica d'ogni operazione discografica che si rispetti. Certo, la gara all'individuazione del capostipite è un esercizio alquanto sterile di reali risultati ma con i Devo ci troviamo realmente vicini al punto zero del moderno videoclip.
L'attenzione dei Devo nei confronti dell'audiovisivo quale strumento per diffondere la propria personalissima teoria de-evolutiva si manifesta già nel '76 con il cortometraggio “The Truth About Devo”, opera che, notata dalla critica, gli permetterà di ottenere quella visibilità altrimenti difficilmente raggiungibile. Da quel momento e per poco meno di un decennio la band originaria dell'Ohio svilupperà totalmente la propria visione del contemporaneo, lo farà con la musica e la sintetizzerà per immagini con una serie di video dei quali la sezione SonarCinema offre una esaustiva panoramica riassumibile nel ritornello di “Beautiful World” (1981): “Its a beautiful world / For you / Its not for me!".
Si potrebbe forse dire che prima di MTV ci furono i DEVO.

Corporate Anthem - URL
Satisfaction
- URL
Come Back Jonee
- URL
The Day My Baby Gave Me a Surprise
Whip It
- URL
Freedom of Choice
- URL
Beautiful World
- URL
Post Post Modern Man
- URL
Disco Dancer
- URL

Link:
Devo - official web site - URL
Devo - Canzoni di protesta degli uomini post-moderni di Filippo Bordignon (SentireAscoltare) - URL

da SonarCinema 2007, musica per gli occhi, Digimag 26 luglio-agosto 2007


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. Devo videoclip video sonar sonarcinema

permalink | inviato da kulturadimazza il 9/7/2007 alle 14:4 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


5 luglio 2007


Koichiro Tsujikawa


Koichiro Tsujikawa

Koichiro Tsujikawa (nato a Tokyo nel 1972) è uno dei più importanti e celebri videoclipmakers contemporanei. Lo si potrebbe considerare il più celebre regista asiatico di questo genere dell'audiovisivo contemporaneo, assimilabile a quelle super star del calibro di Michel Gondry, Chris Cunningham e Spike Jonze – ai quali il SonarCinema, nelle passate edizioni, ha dedicato ampie retrospettive dei migliori lavori da loro realizzati.
Quest'anno tocca appunto a Tsujikawa, con una scelta di 10 lavori capaci di raccontare per immagini la sua folle visionarietà resa popolare dal sodalizio artistico con quel geniaccio di Cornelius (presente al Sonar la notte del 15). Tutti ricorderanno il superlativo “Drop” (quello che vede come protagonista un bambino alle prese con un lavandino colmo d’acqua) ma pochi conoscono lo stile ricorsivo delle ossessioni visive del quasi quarantenne Tsujikawa. La tecnica del passo uno praticata dal regista giapponesi si sposa con perfetta armonia alle ritmiche sincopate e ripetitive della musica di Cornelius tanto da far apparire lo stile visivo dei video realizzati un tutt’uno con la musica, compiendo quella perfetta sintesi fra musica e immagini che rende ognuno di questi dieci episodi della carriera artistica del filmmaker dei piccoli-grandi capolavori. High-tech e slow motion modulati fra loro costituisco un ottimo esempio di sintesi fra le tecniche del cinema delle origini e quelle dell’attuale epoca digitale, in quella direzione analizzata e descritta da Lev Manovich, nel celeberrimo "The Language of New Media", come punto di convergenza e rivitalizzazione al quale il cinema contemporaneo è sottoposto.

As Far As Ends Go – Spanova
Mars – Sketch Show
I Hate Hate – Cornelius - URL
Hana – Asa Chang & Junray – URL
Wonder Word – Supercar - URL
Another View Point – Cornelius
Ware Wa Yuku – Hirama Mikio
GUM – Cornelius
Like a Rolling Stone – Cornelius – URL
Fit Song – Cornelius –
URL

Bio – URL
Intervista –
URL
Sito ufficiale
URL

da SonarCinema 2007, musica per gli occhi, Digimag 26 luglio-agosto 2007

sfoglia     novembre        gennaio
 
rubriche
Diario
Link
culture pop (e viceversa)
Cinema
Musica
Politica
Media
Festival & co.
Corti

HOMEPAGE


Rapporto Confidenziale
cinemino
Digicult
cerca
me l'avete letto 1 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom